puro genio.

Febbraio 1978. non si era mai sentito un suono così potente, ricco e ispirato. Van Halen è un disco rock da ascoltare ad alto volume, ma il bello della faccenda è che anche a medio volume funziona, brilla e stupisce. ogni canzone vive di luce propria, ogni linea di voce trasforma David Lee Roth in un vero istrione, ogni fraseggio di Edward Van Halen ha matrice celeste, riscrive le regole e mette in pensione Eric Clapton per almeno un decennio.  musica ad alta energia, sfacciata e provocante per quei giorni. Tra i tanti capolavori,  due tra i meno in vista: Little Dreamer e Atomic Punk. 10/10 con lode.